Per informazioni: formazione@erickson.it | tel. +39 0461 950747

Comunicazione efficace

Linguaggio e funzioni esecutive: influenze reciproche

LINGUAGGIO E FUNZIONI ESECUTIVE: INFLUENZE RECIPROCHE
Dalla valutazione al trattamento

Trento, Edizioni Centro Studi Erickson
16 e 17 febbraio 2018

iscriviti_ora

 

 

Presentazione
Sebbene il Linguaggio sia notoriamente controllato da specifiche aree dell’emisfero sinistro, che sono geneticamente predisposte a gestire gli aspetti principali di questo tipo di comunicazione, deficit cognitivi in aree cerebrali lontane da quelle linguistiche si sono dimostrati importanti per la corretta funzionalità del Linguaggio stesso. In particolare un malfunzionamento delle aree frontali, che sono deputate alle Funzioni Esecutive, ha mostrato una grande influenza sullo sviluppo linguistico, probabilmente per un effetto a catena che si produce a livello della complessiva organizzazione funzionale.
La conoscenza di queste funzioni dei lobi frontali e, soprattutto, il loro legame con le abilità linguistiche non possono non essere considerate nella programmazione del trattamento di qualsivoglia disturbo legato al Linguaggio.

Obiettivi

Destinatari

Docenti

Programma
Sede, date e orari

Attestato
Accreditamenti
Costi e modalità d'iscrizione
Ospitalità alberghiera

In collaborazione con SSLI
(Società Scientifica Logopedisti Italiani)

logo ssli

Gestire il conflitto. Strategie e tecniche per migliorare le relazioni sul lavoro

GESTIRE IL CONFLITTO.
Strategie e tecniche per migliorare le relazioni sul lavoro

Trento, 16 e 17 febbraio 2018

iscriviti_ora

 

 

Presentazione

All’interno di un’organizzazione, di un gruppo di lavoro, di un team, la nascita di conflitti è un evento ineludibile con cui spesso ci si deve confrontare. Il conflitto di per se stesso non ha una valenza negativa o positiva; il non saperlo governare può però avere, e spesso ha, ricadute devastanti sulla motivazione individuale, sul clima e sulle relazioni interprofessionali. Viceversa, laddove una gestione positiva del conflitto è parte della cultura dell’organizzazione, il momento di confronto viene vissuto come espressione di diversità e quindi come opportunità di crescita per l’individuo e per l’organizzazione stessa.
Le due giornate di formazione proporranno, mediante lavori in piccoli gruppi, un approccio fortemente orientato all’apprendimento esperienziale e all’allenamento delle competenze comportamentali richieste per saper gestire efficacemente situazioni conflittuali e acquisire tecniche di negoziazione. Le lezioni frontali favoriranno inoltre l’acquisizione di strumenti e conoscenze indispensabili per un’efficace prevenzione, gestione e risoluzione del conflitto.

Obiettivi
Destinatari
Docente
Contenuti
Sede, Date e Orari
Attestato
Accreditamenti
Costi e modalità di iscrizione
Ospitalità alberghiera

BONUS DOCENTI. NOI CI SIAMO!
Noi di Edizioni Erickson siamo presenti nell’elenco degli esercenti ed enti accreditati nel sito cartadeldocente.istruzione.it, presso i quali è possibile utilizzare la Carta del docente.

Nell’iscrizione online sarà possibile indicare come metodo di pagamento “Carta del Docente” e utilizzare il buono di spesa generato.
Clicca qui per maggiori informazioni su Erickson e la Carta del Docente.

IL COLLOQUIO MOTIVAZIONALE. Come aiutare le persone a cambiare

Corso di formazione
IL COLLOQUIO MOTIVAZIONALE
Come aiutare la persona a cambiare

Trento, 25/26/27 gennaio 2018

Presentazione
Il colloquio motivazionale è da anni riconosciuto come uno dei più efficaci strumenti professionali per gli operatori sociali, sanitari ed educativi e si basa su un paradigma di pensiero che permette di aiutare ogni persona a cambiare la propria vita, reimpostando degli stili disfunzionali di «essere» e di «fare» in accordo alle sue disposizioni interiori. È un approccio che consente di «agganciare» non la patologia della persona bensì la motivazione di fatto presente, per farla emergere progressivamente.

Ogniqualvolta l’aiuto consista nel sostenere la persona nel percorso che porta a un impegnativo cambiamento di stile di vita, l’operatore professionale trova un sostanziale aiuto nei principi, nelle strategie e nelle tecniche proprie di questo approccio.

Quando le persone si trovano ad affrontare cambiamenti relativi all’uso di sostanze dannose (alcool, fumo, droghe) o a cambiare comportamenti che assumono le caratteristiche di dipendenza (gioco d’azzardo, shopping, internet, videogiochi, pornografia, ecc.); quando si tratta di aiutare ragazzi in difficoltà scolastica ad aumentare la loro disponibilità allo studio; quando i pazienti con malattie croniche devono essere aiutati a impostare programmi alimentari, motori o farmacologici impegnativi; quando le famiglie con bambini e/o ragazzi con problemi relazionali devono essere aiutate a cambiare consolidati atteggiamenti educativi; quando persone coinvolte nel sistema della giustizia penale accedono a misure alternative alla detenzione; ecc., in tutti questi ambiti, e altri ancora, il colloquio motivazionale permette di impostare un intervento in cui un atteggiamento empatico e non giudicante si coniuga con la rigorosa applicazione delle tecniche e strategie originali che lo hanno fatto riconoscere come metodo sorretto da evidenze scientifiche di efficacia (Evidence Based Practice).

Le tecniche approfondite durante il corso consentiranno all’operatore di sostenere la motivazione della persona in diverse fasi del processo di cambiamento, dall’insorgere della consapevolezza del problema (insight) e della possibilità di un cambiamento, alla determinazione a impegnarsi seriamente in pratica, fino alla costruzione di «piani» semplici per nuovi stili di vita.

Obiettivi
Docente
Destinatari
Orari
Sede
Accreditamenti
Attestato
Costi e modalità di iscrizione
Ospitalità alberghiera

BONUS DOCENTI. NOI CI SIAMO!
Noi di Edizioni Erickson siamo presenti nell’elenco degli esercenti ed enti accreditati nel sito cartadeldocente.istruzione.it, presso i quali è possibile utilizzare la Carta del docente.

Nell’iscrizione online sarà possibile indicare come metodo di pagamento “Carta del Docente” e utilizzare il buono di spesa generato.
Clicca qui per maggiori informazioni su Erickson e la Carta del Docente.

IL COLLOQUIO MOTIVAZIONALE. Come aiutare la persona a cambiare 2017

I posti disponibili per questa edizione del corso sono terminati.

Lascia la tua e-mail per essere aggiornato sui prossimi eventi del Centro Studi Erickson

    Ho preso visione dell'informativa redatta ai sensi del D.Lgs n. 196/2003.
    Acconsento al trattamento dei miei dati personali al fine di usufruire dei servizi offerti dal presente sito.
    (Attenzione: non selezionando "acconsento" non sarà possibile dare esecuzione ai servizi offerti.)
    Acconsento al trattamento dei miei dati personali per dare esecuzione al servizio di Newsletter, cioè per ricevere informazioni relative ad aggiornamenti, novità editoriali, offerte, promozioni in corso da parte di Edizioni Centro Studi Erickson.

 


 

IL COLLOQUIO MOTIVAZIONALE
Come aiutare la persona a cambiare

Trento, 23-24-25 marzo 2017iscriviti_ora

 

Presentazione
Il colloquio motivazionale è da anni riconosciuto come uno dei più efficaci strumenti professionali per gli operatori sociali, sanitari ed educativi e si basa su un paradigma di pensiero che permette di aiutare ogni persona a cambiare la propria vita, reimpostando degli stili disfunzionali di «essere» e di «fare» in accordo alle sue disposizioni interiori. È un approccio che consente di “agganciare” non la patologia ma la persona con la sua motivazione, per farla emergere progressivamente e valorizzarla.
Ogniqualvolta l’aiuto consista nel sostenere la persona nel percorso che porta a un impegnativo cambiamento di stile di vita, l’operatore professionale trova un sostanziale aiuto nei principi, nelle strategie e nelle tecniche proprie di questo approccio.
Quando le persone si trovano ad affrontare cambiamenti relativi all’uso di sostanze dannose (alcool, fumo, droghe) o a cambiare comportamenti che assumono le caratteristiche di dipendenza (gioco d’azzardo, shopping, internet, videogiochi, pornografia, ecc.); quando si tratta di aiutare ragazzi in difficoltà scolastica ad aumentare la loro disponibilità allo studio; quando i pazienti con malattie croniche devono essere aiutati a impostare programmi alimentari, motori o farmacologici impegnativi; quando le famiglie con bambini e/o ragazzi con problemi relazionali devono essere aiutate a cambiare consolidati atteggiamenti educativi; quando persone coinvolte nel sistema della giustizia penale accedono a misure alternative alla detenzione; ecc., in tutti questi ambiti, e altri ancora, il colloquio motivazionale permette di impostare un intervento in cui un atteggiamento empatico e non giudicante si coniuga con la rigorosa applicazione delle tecniche e strategie originali che lo hanno fatto riconoscere come metodo sorretto da evidenze scientifiche di efficacia (Evidence Based Practice).
Le tecniche approfondite durante il corso consentiranno all’operatore di sostenere la motivazione della persona in diverse fasi del processo di cambiamento, dall’insorgere della consapevolezza del problema (insight) e della possibilità di un cambiamento, alla determinazione a impegnarsi seriamente in pratica, fino alla costruzione di «piani» semplici per nuovi stili di vita.

Obiettivi
Docente
Destinatari
Orari
Sede
Accreditamento
Attestato
Costo e modalità di iscrizione
Ospitalità alberghiera

BONUS DOCENTI. NOI CI SIAMO!
Noi di Edizioni Erickson siamo presenti nell’elenco degli esercenti ed enti accreditati nel sito cartadeldocente.istruzione.it, presso i quali è possibile utilizzare la Carta del docente.

Nell’iscrizione online sarà possibile indicare come metodo di pagamento “Carta del Docente” e utilizzare il buono di spesa generato.
Clicca qui per maggiori informazioni su Erickson e la Carta del Docente.

Gestire il conflitto. Strategie e tecniche per migliorare le relazioni sul lavoro 2017

Gestire il conflitto.
Strategie e tecniche per migliorare le relazioni sul lavoro

Docenti: Alberto Camuri e Francesca Biffi

Sede del corso e date: iscriviti_ora
Edizioni Centro Studi Erickson
Via del Pioppeto, 24
38121 Trento

27 e 28 gennaio 2017

Presentazione
All’interno di un’organizzazione, di un gruppo di lavoro, di un team, la nascita di conflitti è un evento ineludibile con cui spesso ci si deve confrontare. Il conflitto di per se stesso non ha una valenza negativa o positiva; il non saperlo governare può però avere, e spesso ha, ricadute devastanti sulla motivazione individuale, sul clima e sulle relazioni interprofessionali. Viceversa, laddove una gestione positiva del conflitto è parte della cultura dell’organizzazione, il momento di confronto viene vissuto come espressione di diversità e quindi come opportunità di crescita per l’individuo e per l’organizzazione stessa.
Le due giornate di formazione proporranno, mediante lavori in piccoli gruppi, un approccio fortemente orientato all’apprendimento esperienziale e all’allenamento delle competenze comportamentali richieste per saper gestire efficacemente situazioni conflittuali e acquisire tecniche di negoziazione. Le lezioni frontali favoriranno inoltre l’acquisizione di strumenti e conoscenze indispensabili per un’efficace prevenzione, gestione e risoluzione del conflitto.

Docenti
Obiettivi
Destinatari
Contenuti
Metodologia
Sede, date e orari
Attestato
Accreditamenti
Prezzi e modalità di iscrizione
Ospitalità alberghiera

 

Accoglienza del lutto ed elaborazione del cordoglio

Sede del corso e date: Edizioni Centro Studi Erickson, Trento, 9 e 10 ottobre 2015

Docente: Luigi Colusso (ADVAR, Treviso)
Con il supporto di Annalisa Moretto

Presentazione
Il tema della perdita non riguarda solo il lutto per la morte di una persona significativa, ma anche situazioni quali una disabilità sopravvenuta, una diagnosi irreversibile, l’allontanamento definitivo di qualcuno di caro, un drastico cambiamento che investe la propria vita.
Il seminario si propone di offrire agli operatori che si confrontano con i temi della perdita e del lutto gli strumenti base per una gestione della situazione più consapevole ed efficace, per sé e per gli altri. Presenta un modello possibile di riconoscimento e di intervento diretto alla portata di tutte le professionalità e nei diversi setting di lavoro, e per l’attivazione di un progetto di auto/mutuo aiuto per l’elaborazione del lutto all’interno della propria comunità.

Destinatari
Obiettivi
Metodologia
Date e orari
Attestato
Accreditamento
Costi e modalità di iscrizione
Ospitalità alberghiera

Accoglienza del lutto ed elaborazione del cordoglio

Sede del corso e date: Edizioni Centro Studi Erickson, Trento, 19 e 20 settembre 2014

Docente: Luigi Colusso (ADVAR, Treviso) iscriviti_ora

Presentazione corso accoglienza del lutto
Il tema della perdita e dell’accoglienza del lutto non riguarda solo il lutto per la morte di una persona significativa, ma anche situazioni quali una disabilità sopravvenuta, una diagnosi irreversibile, l’allontanamento definitivo di qualcuno di caro, un drastico cambiamento che investe la propria vita.
Il seminario si propone di offrire agli operatori che si confrontano con i temi della perdita e del lutto gli strumenti base per una gestione della situazione più consapevole ed efficace, per sé e per gli altri. Presenta un modello possibile di riconoscimento e di intervento diretto alla portata di tutte le professionalità e nei diversi setting di lavoro, e per l’attivazione di un progetto di auto/mutuo aiuto per l’elaborazione del lutto all’interno della propria comunità.

Destinatari
Obiettivi
Metodologia
Date e orari
Attestato
Accreditamento
Costi e modalità di iscrizione
Ospitalità alberghiera

Comunicare in modo efficace

Parole e gesti, pensieri ed emozioni.
Come comunicare senza fare e farsi del male?

Sede del corso e date: Edizioni Centro Studi Erickson, Trento, 12 e 13 settembre 2014

Relatore: Giuseppe Maiolo (Libera Università di Bolzano e Cooperativa Sociale ONLUS Il Germoglio – Sonnenschein, Bolzano) iscriviti_ora

Presentazione
Non si può non comunicare, perché tutto è comunicazione anche quello che non si dice. Imparare a comunicare, comunicare in modo efficace, significa sia sapersi esprimere a parole ma soprattutto essere consapevoli del linguaggio non-verbale, che è quello delle emozioni e degli affetti.
Il corso punta a far esperire i vari linguaggi (verbale, non-verbale, paraverbale) e promuovere un atteggiamento comunicativo consapevole perché nelle relazioni di aiuto la comunicazione sia efficace e congrua. I partecipanti saranno coinvolti attivamente nel processo comunicativo attraverso giochi di relazione e attività non-verbali affiancate da riflessioni comuni e aspetti teorici.

Destinatari
Obiettivi
Metodologia
Date e orari
Attestato
Costi e modalità di iscrizione
Ospitalità alberghiera